Archivio per la categoria ‘Cyclette’

Immagine

E’ in vendita anche in Italia la nuova DKN AM-5i, una cyclette con una interessante feature: si interfaccia via bluetooth ai tablet (sia Apple che Android) con una APP gratuita che permette di memorizzare i propri allenamenti (fino a 12 user) e con la funzione I-routes potete percorrere virtualmente alcuni percorsi mitici  (qui potete vedere l’APP ).

La bici è ben progettata e robusta (nonostante il prezzo contenuto).

Anche senza l’uso del tablet la consolle in dotazione è pratica e completa: AM5 è dotata di un innovativa consolle con schermo LCD a colori per una visualizzazione comoda e rapida delle informazioni relative all’allenamento in corso: tempo, velocità, distanza, Watt, stima delle calorie consumate, RPM e pulsazioni.

Lo sforzo è misurato anche in Watt perché la AM5i è un ergometro.

Innovativa consolle con “Intuitive Intelli-KeyT Lighting System” studiata per rendere l’utilizzo di questo ergometro accessibile a tutti: premendo un solo tasto è possibile accedere alle funzioni desiderate.

Questa cyclette è dotata di 15 programmi di allenamento per effettuare esercizi vari e mirati:

  • 12 programmi pre-impostati
  • 1 user a 32 livelli
  • 1 con importazione dei Watt
  • 1 Target H.R. preimpostabile a frequenza cardiaca (tasso di allenamento cardiaco desiderato) 55%, 75%, 90% e THR (l’utente seleziona la frequenza cardiaca desiderata)
  • oltre alla modalità manuale

 I programmi diventano infiniti con l’uso della APP DKN-Motion (gratuita).

AM5i permette di allenarsi con programmi Heart Rate Control HRC che gestiscono l’intensità dello sforzo in base al battito cardiaco pre-impostato, ideale nei programmi di dimagrimento.

La frequenza cardiaca può essere monitorata tramite i sensori Hand Pulse: placche metalliche integrate nei maniglioni dell’attrezzo da stringere durante l’allenamento per una rilevazione puntuale e immediata delle pulsazioni.

DKN AM-5i è una ciclocamera compatibile con Fascia Cardiaca (acquistabile separatamente), accessorio che consente una misurazione più accurata del battito cardiaco.

L’ergometro AM 5i garantisce una regolazione dello sforzo su 32 livelli, ideale per coloro che necessitano di eseguire esercizi orientati alla riabilitazione ed il controllo della resistenza è elettromagnetico da 10 a 350 Watt. 

Rapporto di trasmissione (gear ratio) 8:1.

Il volano da 11 Kg genera un movimento della pedalata fluido: ideale sia per la riabilitazione che per lo sportivo più esigente.

Bike che garantisce il mantenimento di una postura corretta durante l’allenamento grazie all’accesso facilitato studiato per coloro che hanno problemi di mobilità e alla possibilità di regolazione in altezza e profondità della sella in gel e dell’inclinazione del manubrio.

Questa cyclette è un prodotto estremamente resistente, in grado di supportare un peso massimo utente di ben 140 Kg.

Insomma è una cyclette che consigliamo a chi vuole un bel prodotto per tenersi in forma nella comodità di casa propria!

 

Resistenza elettromagnetica

Pubblicato: 11 marzo 2012 in Cyclette
Tag:,

La resistenza elettromagnetica è una versione più avanzata di quella magnetica; nelle cyclette con resistenza elettromagnetica non si ha l’avvicinamento o l’allontanamento del pattino (magnetico) frenante dal volano; l’aumento della resistenza viene gestito elettricamente fornendo più o meno corrente a delle elettrocalamite. L’operazione viene gestita non attraverso una manopola, ma tramite gli appositi comandi digitali presenti sulla consolle della cyclette. Le cyclette con resistenza elettromagnetica vengono anche definite ergometri perché sono in grado di controllare precisamente il lavoro (lo sforzo) eseguito.

Le cyclette con resistenza magnetica ed elettromagnetica sono decisamente più silenziose di quelle con resistenza meccanica e garantiscono anche maggiore fluidità e regolarità della pedalata.

Dotazione Cyclette

Pubblicato: 11 marzo 2012 in Cyclette
Tag:

A seconda dei modelli in commercio, le cyclette sono dotate di apparecchiature di controllo che ne ottimizzano l’impiego. Ne riassumiamo le principali in ordine alfabetico.

  • Cardiofrequenzimetro. Come dice chiaramente il nome, si tratta di un misuratore del battito cardiaco. Può essere interno alla cyclette, azionabile con un dito senza interrompere l’esercizio, oppure esterno. Alcune biciclette da camera presentano un controllo a infrarossi che registra le pulsazioni provenienti dal cuore dell’atleta.
  • Controllo di resistenza “Quicktouch”. Premendo uno dei tasti di questa consolle posta sul manubrio si possono controllare i livelli di resistenza espressi da una scala da 1 a 10.
  • Display. Alloggiato sul manubrio visualizza resistenza, andamento del colpo di pedale, tempo parziale e totale, distanza percorsa, calorie consumate, frequenza cardiaca: si tratta, in pratica, del monitor del “computer di bordo” della cyclette. Opportunamente programmato può fungere anche da schermo televisivo o lettore Mp3.
  • Manubrio con funzione di vogatore. Consente di coniugare l’allenamento degli arti inferiori con quello dei superiori: la flessibilità del manubrio permette di potenziare i bicipiti attraverso una serie di movimenti dedicati.
  • Pedali self leveling. Grazie a particolari cinghie di bloccaggio mantengono il piede in posizione ottimale perfino alla massima intensità di movimento.
  • Programmi predefiniti o preimpostati. Attraverso la simulazione di diverse tipologie di allenamento, consentono di modificare l’esercizio mantenendo costante la propria frequenza cardiaca.
  • Resistenza. La resistenza a tamburo, frutto della tecnologia degli anni Settanta, è ormai disponibile solo sui modelli più economici. La resistenza magnetica è pratica, garantisce una pedalata fluida e silenziosa e può essere controllata elettronicamente. La resistenza elettromagnetica è la più evoluta, garantisce una pedalata fluida e silenziosa ed è controllata elettronicamente. La resistenza ad aria è ancora poco diffusa, sono equipaggiate con una ventola che crea resistenza a seconda della forza della pedalata: più forte si pedala, più la resistenza aumenta.
  • Sedile regolabile. Facilita il raggiungimento della posizione ottimale grazie al semplice azionamento di una levetta facilmente raggiungibile anche da seduti.

Allenarsi con la cyclette

Pubblicato: 11 marzo 2012 in Cyclette
Tag:

Qualche consiglio pratico per allenarsi con la cyclette

E’ importante, per sfruttare al meglio le potenzialità del mezzo, utilizzarla in modo corretto e consapevole:

  • Regolare l’altezza della sella in modo da poter allungare completamente le gambe durante la pedalata
  • Regolare l’altezza del manubrio per consentire una posizione eretta senza creare tensioni alla spina dorsale.
  • Impugnare molto saldamente il manubrio perché è il principale punto di stabilità del corpo nei confronti dell’attrezzo.
  • All’inizio dell’allenamento, non superare i 10 minuti di esercizio giornaliero per almeno due settimane.
  • In un secondo tempo, aumentare progressivamente fino ad arrivare a due/tre sedute quotidiane da 20 minuti.
  • A regime, arrivare a un allenamento della durata di 40 minuti almeno due volte la settimana.
  • Mantenere costante il battito cardiaco su circa 110 battiti al minuto.

Cyclette

Pubblicato: 28 giugno 2011 in Cyclette
Tag:

Pianeta Cyclette: un mondo tutto da scoprire

Con il termine “cyclette” si definisce una speciale bicicletta da ginnastica che, fissata al pavimento, consente di compiere in casa o in palestra lo stesso esercizio fisico di chi utilizza una bicicletta vera e propria: un efficace allenamento cardiovascolare. Dal punto di vista dell’aspetto esteriore, la cyclette differisce dalla bicicletta per il fatto di non avere ruote: è invece dotata – a seconda dei modelli- di accessori e strumenti di controllo (come i variatori di resistenza allo sforzo, gli indicatori di velocità e distanza percorsa, il cardiofrequenzimetro) che ne personalizzano l’uso e ne ottimizzano i risultati.

E’ conosciuta anche come bicicletta da camera, ciclo-camera, exercise bicycle o bike, stationary bicycle, exercycle. Quello che è certo è che fu inventata dallo statunitense Keene P. Dimick nel 1968 con il nome di Lifecycle: un progetto di attrezzo ginnico assolutamente innovativo che fu diffuso e fatto conoscere al mondo dai connazionali Ray Wilson e Augie Nieto e dalla loro società Life Fitness.

continua a leggere l’articolo a questa pagina: